[Guida][Aggiornato] Installiamo BackBox su Mac o su una Macchina Virtuale

Oggigiorno l’utilizzo di computer targati Apple o di sistemi operativi virtuali è sicuramente più frequente pertanto vi abbiamo creato una piccola guida per aiutarvi nell’installazione della distribuzione di Security Auditing BackBox sul vostro sistema.

Installiamo BackBox su Mac

  1. Innanzitutto vi consiglio di effettuare un Backup integrale del vostro sistema;
  2. Scarica le seguenti applicazioni: rEFfit (che ci permetterà di eseguire il dualboot), MacFUSE e ntfs-3g (che consentono la scrittura su partizioni NTFS), sono tutti software liberi;
  3. Inserire il DVD di Snow Leopard e Riavviare il sistema!
  4. Premere il tasto “C” in fase di riavvio del Mac per accedere all’Utility di Sistema;
  5. Ora usare Utility Disco per creare la partizione per installare il sistema operativo. La partizione deve essere in formattato HFS + Journaled;
  6. Inserire il CD di BackBox e  Riavviare il sistema!
  7. Premere il tasto Alt  e selezionare l’avvio mediante il CD di BackBox. Ora completare l’installazione attraverso l’apposita guida di sistema;
  8. Ad installazione terminata potrete accedere al menu di MultiBoot Grafico in fase di avvio del Mac semplicemente premendo il tasto Alt

Se notate problemi con l’audio vi consigliamo di installare degli appositi pacchetti con il seguente comando da terminale:

sudo apt-get update && sudo apt-get install build-essential ncurses-dev gettext libasound2-dev xmlto && sudo apt-get install linux-headers-$ (uname-r) libncursesw5-dev

Installiamo BackBox su una Macchina Virtuale

[Aggiornato al 30/10/2013]

Visti l’elevata computazione dei moderni computer sempre più spesso si sfruttano le macchine virtuali, questo ci permetterà di virtualizzazione BackBox in tempi veramente minimi ed avere un ottima stabilità del sistema; nonostante la procedura sia veramente facile è bene notare un passaggio che prevede l’installazione di librerie necessarie per una corretta virtualizzazione.

  1. Avviamo il programma di virtualizzazione ed iniziamo l’installazione di una nuova macchina;
  2. Selezioniamo la ISO da installare precedentemente scaricate dal sito ufficiale di BackBox (consigliamo la versione i386);
  3. Selezionate come caratteristica dell’OS: Ubuntu a 32bit o 64Bit in base alla versione che vorrete virtualizzare;
  4. Ad installazione avvenuta avviate il terminale e digitate i seguenti comandi in base alla versione di Kernel installata sul sistema, se non la conoscete digitate il comando “$ uname -a”:

Per il Kernel v.3.2 o precedenti

$ sudo apt-get install linux-headers-generic -y
$ sudo apt-get install build-essential -y

Per il Kernel v.3.5

$ sudo apt-get install linux-headers-generic-lts-quantal -y
$ sudo apt-get instal build-essential -y

Per il Kernel v.3.8

$ sudo apt-get install linux-headers-generic-lts-raring -y
$ sudo apt-get install build-essential -y

Ora potete installare le utility virtuali (differenti in base al software di virtualizzazione che state usando) necessarie per una corretta virtualizzazione del sistema, generalmente apportano tali migliorie:

  • Driver grafici per migliorare la qualità e la velocità dell’adattatore grafico;
  • Driver per la scheda di rete più performanti talvolta richiesti da alcuni sistemi operativi più vecchi;
  • Un modulo per gestire le cartelle condivise per Linux, Solaris e Windows così da poter condividere i file tra macchina virtuale e il sistema operativo installato fisicamente sul computer;
  • Condivisione degli appunti e file tramite drag and drop tra guest e host;
  • Si può uscire dalla finestra della virtual machine col mouse senza dover premere il tasto di uscita.

Potete inoltre leggere altre guide sulla distribuzione BackBox in lingua Inglese sull’apposita sezione HowTos della WiKi ufficiale.