WireLurker: Storia, Caratteristiche, Analisi e Rimozione

WireLurkerApro l’articolo chiarendo subito che WireLurker è un malware, reale, che colpisce Mac OS X e iOS ovvero i due sistemi operativi creati da Apple. Ma non creiamo allarmismo come stanno facendo in queste ore i principali media copiando a destra e manca porzioni di articoli internazionali e non, anzi ne approfitto per fare un appello e anche un ringraziamento; cari redattori/giornalisti prima di scrivere un articolo principalmente tecnico sul mondo della sicurezza informatica abbiate almeno la buona volontà di contattare un esperto del settore, in Italia siamo in diversi e quasi sempre disponibili una eMail o una Telefonata renderà il vostro lavoro più prezioso e completo. Ringrazio quindi Giuseppe Bottero che puntualmente mi contatta quando vuole scrivere articoli di Sicurezza Informatica sul quotidiano La Stampa.

Le Origini

Qū Chāo,

Tutto nacque per una segnalazione dello sviluppatore Qū Chāo, lo scorso 1 Giugno 2014 rilevò sul suo Mac dei processi sospetti e sul suo iPhone l’installazione automatica di una applicazione che potete vedere nello screenshot soprastante. Nei giorni successivi a questa segnalazione altri utenti segnalarono casi analoghi su un forum di Fan Apple Cinesi, in tutti i casi gli utenti rilevarono due demoni installati sul proprio Mac denominati “machook_damon” e “WatchProc”, gli utenti avrebbero poi dichiarato di aver installato nei giorni precedenti alcune applicazioni provenienti dal Maiyadi App Store che attualmente risulta down. Questo Store alternativo a quello originale permetterebbe di aggirare le restrizioni imposte dal governo Cinese ad Apple e di scaricare software piratati/crackati. Le prime indiscrezioni incolpavano l’applicazione CleanApp scaricata dal Maiyadi App Store, codesta applicazione avrebbe provacato la diffusione del malware.

CleanApp

In realtà una successiva indagine contatta da Paolo Alto Networks ha rivelato che quasi tutte le applicazioni per Mac (per un totale di 467) caricate sul Maiyadi App Store dal 30 aprile 2014 all’11 giugno 2014, erano state trojanized e riconfezionate integrando in esse WireLurker. Queste applicazioni sono state scaricate 356.104 volte, da Aprile ad Ottobre 2014. The Sims 3, Internationa Snooker, Pro Evolution Soccer, ecc sono le tre principali applicazioni scaricate dal Maiyadi App Store ed infette!

Caratteristiche e Analisi

WireLurker WorkFlow

 

Il Diagramma di Flusso dimostra come lavora WireLurker partendo proprio dalla modifica/trojanized di una applicazione dedicata al mondo Mac, tale software modificato è stato diffuso in un App Store alternativo contenente principalmente applicativi illegati (crakkati), gli utenti hanno scaricato l’applicativo e installandolo hanno avviato il circolo vizioso che poi ha permesso di infettare anche device iOS attraverso una connessione USB con il Mac. Il Malware non si limita ad infettare il device iOS ma andrà a modificare/trojanized anche le applicativi per iPhone o iPad garantendo l’estrazione di un maggior numero di dati sensibili

Voglio però soffermarmi un attimo sul mondo iOS che è sempre stato ribattezzato uno dei sistemi operativi mobile più sicuri, come saprete i device iPhone e iPad possono essere Jailbrekkati ottenendo i permessi di root e pertanto caricare software di terze parti (app crakkate, nuovi tweak, ecc ecc) questa tecnica resa sempre più semplice dalla bravura degli sviluppatori crea grossi problemi di sicurezza sui nostri dispositivi. Infatti sono proprio i dispositivi Jailbroken ad essere più soggetti a questi tipi di attacchi.

Per un dispositivo iOS NON Jailbroken, WireLurker installa nuove applicazioni iOS, sfruttando i protocolli di iTunes ovvero la libreria libimobiledevice.
Per un dispositivo iOS Jailbroken, WireLurker esegue il backup delle applicazioni del dispositivo sul computer e le trojanizza sfruttando la capacità elaborativa del Mac, successivamente le riconfeziona (app originale + file dannoni) caricandole nuovamente sull’iPhone. Inoltre, WireLurker si propaga infettando il MobileSubstrate Tweak attraverso il servizio AFC2.

A questo punto, nuove applicazioni/icone sono visibili all’utente sul dispositivo iOS, jailbroken o meno. Per un dispositivo Jailbroken del codice malevolo viene iniettato in applicazioni di sistema, e sarà quindi possibile eseguire query sui Database di sistema ottenendo Messaggi, Cronologia WhatsApp, Contatti, eMail, ID Apple, Foto, Video, ecc. Tali dati verranno inviati al server C2 insieme alle informazioni di stato di WireLurker. Per i dispositivi NON Jailbroken gli utenti si vedranno sottratti dei loro dati solo se all’apertura della nuova App acconsentiranno di accedere alla Rubrica, Calendari, Posizione, ecc.

Dal 30 Aprile al 17 ottobre 2014 la Palo Alto Network ha identificato 3 versioni di WireLurker la prima versione denominata A fino alla versione C rilevata lo scorso agosto, ogni versione introduceva nuove funzionalità la prima non prevedeva l’infezione dei dispositivi iOS funzionalità introdotta nella versione B solo per i dispositivi Jailbroken e infine nella versione C è stata introdotta la modalità per i dispositivi NON Jailbroken.

Rimozione e Prevenzione

La società Paolo Alto Network attraverso GitHub ha reso disponibile uno script scritto in Pyhton per identificare se il vostro Mac è stato infettato dal malware WireLurker, nello screenshot di apertura potete vedere lo script in funzione con i relativi comandi per scaricarlo e avviarlo ma per comodità vi riepilogo i comandi di seguito:

$ curl -O https://raw.githubusercontent.com/PaloAltoNetworks-BD/WireLurkerDetector/master/WireLurkerDetectorOSX.py

$ python WireLurkerDetectorOSX.py

attraverso il primo comando andremo a scaricare lo script e successivamente lo avvieremo. Basterà attendere qualche minuto per conoscere se il vostro PC è stato infettato o meno!

Per prevenire in futuro possibili attacchi le regole fondamentali da seguire sono:

  • Evitare di modificare il proprio dispositivo mobile ottenendo i permessi di Root se non si è un utente esperto;
  • Evitare il download di applicazioni illegali/crakkate esse sono la principale causa di virus, trojan o malware;
  • Scaricare software solo da Store o siti Web Autorevoli;
  • Controllare sempre i permessi che attribuire ad ogni applicazioni del vostro iPhone e iPad (selezionare sempre OK non è la soluzione ai vostri problemi);
  • Aggiornate sempre il vostro dispositivo.

Conclusione

Non è ancora chiara la motivazione e i mandatari di tale attacco, ma indubbiamente è importante sottolineare che l’attenzione sui dispositivi Apple sta cambiando e potremmo presto vedere nuovi attacchi! La prevenzione dell’utente e la tempestività del Brand nel correggere vulnerabilità sono sempre la prima arma per evitare un propagarsi di malware, virus, ecc ecc.

Per chi volesse approfondire maggiormente l’argomento (Analisi del Codice, Statistiche, ecc) può scaricare il documento creato dalla Palo Alto Networks, for the English Friends would also recommend reading the article by Marco Ramilli’s Blog.