Articoli

Nella nottata il famoso portale uTorrent  è stato preso di mira da ignari cracker che hanno provveduto a sostituire i file eseguibili del noto software di p2p con un malware denominato “Security Shield”.

L’attacco è accaduto alle 4:20 am (ora del Pacifico) e dopo due ore il server è stato correttamente ripristinato, ma chi in quell’intervallo ha scaricato il software rischia di infettare il proprio sistema con il malware.

Inizialmente sembrava che anche il portale BitTorrent fosse stato vittima dell’attacco ma il comunicato stampa ufficiale ha scongiurato tale possibilità.

Potete leggere tutti i dettagli dell’evento sul comunicato stampa ufficiale.

Nell’Agosto del 1988 Karsten Nohl e il suo Team composto da 24 persone avevano iniziato a lavorare sull’algoritmo di sicurezza GSM (Global System for Mobiles) riuscendo nel 2009 a craccare l’algoritmo crittografico A5/1 usato dal sistema GSM, ogni cellulare che utilizza il sistema GSM possiede una chiave segreta che è riconosciuta dalla rete. Quando si effettua una chiamata, la chiave segreta è usata per creare una chiava di sessione che serve per crittografare la telefonata. Ulteriori informazioni sul sito dell’IHTeam.

Ad Agosto 2011 le ricerche del Team hanno invece permesso l’intercettazione dei pacchetti GPRS (General Packet Radio Service), la tecnologia che permette agli utenti mobili di navigare su internet e leggere le eMail, consentendo l’osservazione dei dati di ignari utenti. Nohl ha infatti dichiarato: “Con la nostra tecnologia siamo in grado di catturare le comunicazioni GPRS in un raggio di 5Km!“.

I test sono stati effettuati in Germania, Italia ed altri paesi europei riuscendo ad intercettare i dati degli operatori T-Mobile, O2 Germany, Vodafone e E-Plus.

Nohl ha inoltre ipotizzato che molti operatori lasciano in chiaro i pacchetti trasmessi sulla rete GPRS per permetterli di filtrare il traffico, evitando traffico voip o p2p.

Fonte | The Hacker News

Hackers Wanted probabilmente sarebbe stato il primo Film Documentario a distinguere la differenza tra Cracker, Lamer e Hacker infatti ad oggi gli utenti non sanno distinguere un Cracker da un Hacker e viceversa.

Ma purtroppo Hacker Wanted, del regista Sam Bozzo, non verrà mai pubblicato a causa di mancati accordi con il produttore cinematografico. Nonostante ciò la pellicola è stata completamente realizzata ed è di facile reperibilità sui maggio canali p2p.

Noi intanto vi proponiamo il Trailer…

Gira da stamattina il lancio di Panorama, che domani in edicola intervista il ministro Maroni, reo confesso di pirateria digitale. Eh sì, Maroni è musicista e melomane, e ogni tanto cede al vizietto del P2P.

Strano ma vero, non è la prima volta che ammette il reato, e non è nemmeno l’unico ministro della Repubblica ad aver riconosciuto che rubare è bello. Che paese l’Italia: non come in Nord Europa, dove i pirati si costituiscono in partito e combattono per davvero. Qui si dice l’indicibile e poi… pof, tutto scoppia in un niente di fatto dopo tre giorni.

Che ne pensate: Agorà Digitale reclama l’avanzamento di una proposta di legge sensata e moderna (qui su PI), i fonografici urlano allo scandalo. Che succederà stavolta: rimbrotto ufficiale per il responsabile degli Interni? Ma va là, chi ci crede. Download sponsorizzati alla Downlovers? Sarebbe bello, ma non ci credo tanto. Secondo me è più facile che le nostre lentissime ADSL rallentino ancora…

Fonte