Articoli

Nella prima puntata di questa serie, abbiamo parlato dei paesi che si sono messi in evidenza come maggiori fonti di origine degli attacchi informatici di questo 2010.

Oggi parleremo di quali sono i principali obiettivi degli attacchi, cosa ad un hacker veramente interessa.

Qui di seguito la relativa classifica:

  1. 20.38%   Furto di Informazioni
  2. 18.47%   Defacciamento di Siti Web
  3. 14,01%   Diffusione di Malware
  4. 12,74%   Perdite Finanziarie / Disservizio
  5. 04,46%   Disinformazione
  6. 03,82%   Furto di Carte di Credito
  7. 01,91%   Link Spam / Truffe / Dirottamento di Sessioni (Session Hijacking)
  8. 01,27%   Divulgazione di Informazioni / Danni alle Vendite
  9. -0,64%   Worm / Furto di Dati / Estorsione / Inclusione in BotNet / Phising

Rispetto agli anni scorsi, risalta l’incremento di posizioni delle Perdite Finanziarie, giunta nel 2010 alla 4° posizione, ovvero quelle attività che possono causare ingenti entrate economiche, in breve tempo, ai cybercriminali mossi da scopi di realizzare profitti illeciti.

Le attività di “Hacking for Profit” sono essenzialmente realizzate da cybercriminali professionisti, che implementano sempre nuovi metodi per generare ricavi compromettendo direttamente applicazioni web.

Continua a leggere