Articoli

Hackers Wanted probabilmente sarebbe stato il primo Film Documentario a distinguere la differenza tra Cracker, Lamer e Hacker infatti ad oggi gli utenti non sanno distinguere un Cracker da un Hacker e viceversa.

Ma purtroppo Hacker Wanted, del regista Sam Bozzo, non verrà mai pubblicato a causa di mancati accordi con il produttore cinematografico. Nonostante ciò la pellicola è stata completamente realizzata ed è di facile reperibilità sui maggio canali p2p.

Noi intanto vi proponiamo il Trailer…

Se una giovane fanciulla bionda, come quella qui sopra, vi chiedesse amicizia su FaceBook sicuramente un 80% del popolo maschile non esiterebbe nemmeno due secondi a clikkare su “Accetta Amicizia” per poter visionare qualche altra foto della graziosa ragazza.

Il rimanente 20%, di cui faccio parte, inizierebbe a chiedersi il perché e cosa vuole una affascinante ragazza così dal sottoscritto…per cui inizio ad indagare…vedo che ho parecchi amici in comune…e così mi balza una idea al volo! Vuoi che a quella festa universitaria dove tutti eravamo ubriachi lei mi abbia notato ed ora mi chiede amicizia?! Ah non posso mancare a questa occasione …per cui accetto l’amicizia all’istante…e speriamo di andare a bere assieme un Drink! 😛

Bene il primo passo è fatto…ho il suo profilo ben visibile…inizio subito a guardare la sua Bacheca (non preoccupatevi dalle foto ci son già passato e la situazione era eccitante :P) e noto questo Aggiornamento di Stato:

Salve a tutti sono nuova di Roma… faccio la
modella amatoriale… qui http://XXXXXXX.altervista.org/
troverete delle mie foto anke un pò osè dove poso quasi mezza nuda.. 😉
nn pensate male è per lavoro :p

Cavolo cavolo…e perché farcele mancare queste foto…non ci penso due secondi e clikko!

SORPRESA!

Eh si sono incappato in una tecnica di Phishing per cui dietro alla giovane ed affascinate ragazza che mi ha fatto girare la testa per due minuti c’è un Lamer (sicuramente Italiano, vista la perfetta produzione dell’Aggiornamento di Stato) che tenta di recuperare un po’ di dati per poi rivederli o sfruttarli in modo fraudolente.

State attenti…

N.B.

Non è mio solito scrivere articoli in maniera così scherzosa e non tecnica, ma trattandosi di un argomento importante e vicino a tutti gli utilizzatori di FaceBook ho preferito questo tono.

Quello scoperto lo scorso 26 gennaio da Alex Cox, ingegnere al servizio dell’azienda americana NetWitness, resterà negli annali come l’attacco hacker più imponente nella storia dell’informatica. Circa 75.000 i computer coinvolti, distribuiti inoltre 2.500 aziende presenti in 196 diversi paesi. Colpiti in particolar modo Messico, Arabia Saudita, Turchia, Egitto e Stati Uniti.

Continua a leggere