GFI_OS_Chart

Il 18 Febbraio la GFI Software ha rilasciato una statistica che fa sicuramente discutere, e proprio per questo ho deciso di scrivere un articolo per puntualizzare ciò che non trovo corretto di questa analisi. Lo metto in chiaro fin da subito, sono di parte perché chi mi conosce sa bene che apprezzo di prodotti Apple e lavoro attivamente su Linux tanto è vero che faccio parte del team di sviluppo di BackBox Linux.

Fatta questa promessa proverò di essere il più analitico possibile, l’immagine in testata è quella diffusa dalla GFI e in tale immagine troviamo riportate in ordine crescente il numero di vulnerabilità rilevate nel ’14 per sistema operativo. La fonte dei dati è il National Vulnerability Database (NVD) e personalmente mi limiterò a giudicare solo questa immagine, nell’articolo della GFI sono riportate ulteriori statistiche sulle vulnerabilità dei software ma non mi interessa analizzarle come non voglio addentrarmi nel database del NVD per capire se i numeri riportati sono corretti o meno.

Linux e Apple raggruppati e Windows suddiviso per versioni?!

Questo è il primo dettaglio che mi è saltato all’occhio appena ho visto l’immagine, in sostanza viene fatto di ogni erba un fascio per i sistemi operativi di Apple e Linux mentre per Window no! Ma in fin dei conti vi sono centinai di versioni dell’OS X di Apple o di iOS e anche del Kernel Linux che anzi credo vinca il premio per il maggior numero di rilasci!

Così ho preso la calcolatrice alla mano è ho sommato Windows Server 2008 a Windows 8, poi a Windows Server 2012…ecc ecc fino ad ottenere la somma complessiva di 248 vulnerabilità!

Bingo, quindi Windows è al primo posto con 248 vulnerabilità! Seguito da Apple e poi da Linux!

GFI_OS_Chart_Somma_Windows

Poi se proprio vogliamo mettere i puntini sulle i dovremmo anche contare Windows XP, visto che per parte del 2014 è stato un sistema operativo supportato da Microsoft!

Linux è Open Source!

Esattamente cercare una vulnerabilità all’interno di un software Open Source è statisticamente più facile rispetto ad OS Closed Source, attenzione a non interpretare male questa mia affermazione! Individuare una vulnerabilità in un sistema Open Source è indubbiamente più facile, ma ciò non toglie che non vi son statistiche che dimostrano che un sistema Open sia più vulnerabile di un sistema Closed! Infatti nel precedente punto ho dimostrato che il sistema Closed è più vulnerabile!

Kernel? Ma non si parlava di Sistemi Operativi!?!

Questa è la terza anomalia che mi è venuta in mente, la statistica vuole riportare i sistemi operativi più vulnerabili…ma il Kernel NON è un Sistema Operativo!

In computing, the kernel is a computer program that manages I/O (input/output) requests from software, and translates them into data processing instructions for the central processing unit and other electronic components of a computer. The kernel is a fundamental part of a modern computer’s operating system. {Wikipedia}

Conclusioni

Questa analisi credo sia stata eseguita in maniera fin troppo superficiale, ma a pensar male…mi viene da dire che bisognava promuovere le “finestre”