[Book] Sicurezza Informatica di Salvatore Aranzulla

Ho recentemente visto in libreria questo libro nella sua versione aggiornata del 2010 e sinceramente mi ha fatto sorridere.

Nonostante un titolo veramente aggressivo che fa pensare sicuramente  ad argomenti complessi, come ormai ci siamo abituati nel mondo della Sicurezza Informatica internazionale, mi sono trovato davanti ad un libro easy forse mirato ad un vero principiante che ha voglia di “proteggere” la sua distro di Windows (perchè linux era già troppo avanti) ma non sa da che parte iniziare.

Insomma…personalmente avrei attribuito al libro un titolo differente…ma ormai è li sugli scaffali 😛 per cui scopriamo di cosa si parla:

  • Come proteggere Windows XP e Windows Vista dagli attacchi dei pirati informatici
  • Come configurare un firewall per tenere alla larga i pirati informatici
  • Come prevenire e alla peggio curare virus, trojan, spyware e dialer
  • Come navigare su Internet e ricevere e-mail in piena sicurezza
  • Come evitare di cascare nelle truffe on-line e acquistare con sicurezza su Internet

Il libro è disponibile in vendita cartacea, magari si poteva pensare già ad un eBook, su FAG oppure IBS.

  • Come il blog di Aranzulla anche questo libro è destinato a un pubblico decisamente alla primissime armi. Non credo che un e-book potesse rientrare nel target di chi lo comprerebbe. Per il momento gli e-book si stanno diffondendo tra gli 'esperti' che di certo non hanno bisogno di un libro simile per proteggere il loro PC.

  • Parre

    eheheheh Credo che ormai tutti conoscano Il Sig. Aranzulla, Sicuramente non è un libro per esperti del settore.

  • Bhe bisogna pensare al boom esponenziale che stiamo vivendo in questi due mesi di eBook Reader, puntato direttamente nn più ad una fascia esperta di clienti ma veramente a tutti.
    iPad direi che è la dimostrazione per eccellenza, ovviamente vi sono tanti altri aspetti da visionare…ma ci poteva stare come idea!

  • s3rg3770

    non è possibile che uno come Raoul Chiesa abbia fatto la prefazione ad un libro di Aranzulla. E' un pò come se la prefazione delle encicliche di Benedetto sedicesimo fosse scritta da un curato di campagna.