BlackOutHack – Attacco ai comuni Italiani

Una forte dichiarazione arriva tramite YouTube, un gruppo di Cracker che si firma con il nome BlackOutHack ha deciso di mettere alla prova l’Italia con l’Operation Black Out Italy. L’operazione vuole dimostrare quanto i nostri dati siano vulnerabili attaccando i principali comuni Italiani.

Nell’energica proclamazione di attacco si legge:

Salve Cittadini Italiani
Black Out Hack a deciso di mettere alla prova italia
Attaccando i Comuni di quasi tutta italia per far capire
a tutti i cittadini italiani quanto siamo vulnerabili e che i vostri dati sono alla portata di tutti.
Noi Non Scherziamo Arriveremo Presto
Operation Black Out Italy
Aspettateci

Personalmente gradirei più collaborazione tra Enti e Cracker per poter migliorare le nostre infrastrutture e non distruggerle con attacchi intenzionali. Auspicano di poter scrivere Hacker nei prossimi articoli anziché Cracker vi lascio con il video messaggio dopo il salto.

  • Guest

    quel “Aspettateci” mi ha fatto venire in Mente gli Anonymous speriamo che non prendano i nostri dati e li sbattano  sul World wide Web 

  • Anonimo

    Un altro gruppo di lamerelli all’attacco.
    Chissà cosa voglio farci con qualche login di un comune sperduto, dubito fortemente che riescano a toccare i server web dei comuni grossi come roma e milano.

  • Asd

    quattro ragazzini babbi che si sentono hacker perchè hanno visto un comunicato di anonymous su youtube

  • Blabla

    Tanto ci pensa già FB a mettere i nostri dati….alla portata di tutti…occore che lo facciano loro? qualcuno li ha già anticipati :)) facendolo nel modo più legale perchè siamo noi che li inseriamo :)) sui social network!

  • Pinperepette

    un dettaglio… non credo che i comuni tengano dati su macchine collegate a internet… non credo nemmeno ci sia internet in comune o.O credo che usino una lan locale… intranet mi sembra,per il loro scambio di dati. I siti comunali sono ospitati esternamente e gestiti da ditte esterne o.O 

  • Evilshell88

    quoto gli enti statali lavorano su vpn private in cui solo alcuni nodi isolati sono allacciati all’esterno…