Android Jelly Bean integra il supporto ASLR

Ci sono tanti vantaggi ad essere il più diffuso sistema operativo mobile ma altrettanti negativi, uno di questi è la sicurezza della piattaforma.

Android è costantemente preso di mira da malintenzionati utenti che tentano di accedere illecitamente negli Smartphone alla ricerca di informazioni personali, per contrastare gli attacchi Google ha introdotto il supporto alla tecnologia ASLR dell’ultima versione del suo sistema operativo v4.1 nome in codice Jelly Bean.

La ASLR (Address Space Layout Randomization, casualizzazione dello spazio degli indirizzi) è una misura di protezione contro buffer overrun e exploit che consiste nel rendere (parzialmente) casuale l’indirizzo delle funzioni di libreria e delle più importanti aree di memoria. In questo modo un attacco informatico che cerca di eseguire codice malevolo su un computer è costretto a cercare gli indirizzi del codice e dei dati che gli servono prima di poterli usare, provocando una serie di crash del programma vettore (infettato o apertamente malevolo).

Normalmente, se durante l’esecuzione di codice si accede a una struttura dati con l’indirizzo sbagliato si ottengono dati errati, e se si chiama una funzione con l’indirizzo errato si provoca una eccezione, che porta alla terminazione del programma da parte del sistema operativo; un programma malevolo sfrutterà però l’eccezione generata (legittimamente: non è possibile né consigliabile impedire ai programmi di generare eccezioni) per tenere traccia di quale tentativo è fallito, raccogliendo così sempre maggiori informazioni ad ogni fallimento, fino a conoscere prima o poi con precisione l’indirizzo di memoria delle risorse che gli servono. Questa attività di raccolta di informazioni genera però una serie ripetuta di crash del programma in questione, che è quindi ben visibile all’utente o ai programmi antivirus. {Wikipedia}

Via | MobileBlog